Tutte e tutti per 1. Mondi possibili
Tutte e tutti per 1. Mondi possibili
Tutte e tutti per 1. Mondi possibili
Tutte e tutti per 1. Mondi possibili
Tutte e tutti per 1. Mondi possibili

Tutte e tutti per 1. Mondi possibili

Musiche di G. Rossini, W.A. Mozart e Simona Iuorio

Regia e drammaturgia Manuel Renga

Coproduzione Fondazione Arturo Toscanini, Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, Teatro Sociale di Como AsLiCo

 

Intorno al Festival Como Città della Musica
Spettacolo di
MusicAccessibile per quartetto d’archi, voce e LIS

 

Mondi Possibili – regia e drammaturgia di Manuel Renga, scene di Stefano Zullo – è frutto di una coproduzione tra La Toscanini, Fondazione Haydn e AsLiCo.
Lo spettacolo, ad alta accessibilità con audiodescrizione e soprattitoli per quartetto d’archi, voce e LIS (Lingua dei Segni Italiana), rientra nel progetto pilota Tutte e tutti per 1 vincitore del contributo assegnato dal Ministero della Cultura finalizzato a inserire in contesti professionali artisti con disabilità. È rivolto ai bambini (6 – 10 anni), a scuole e famiglie nelle regioni di riferimento dei tre enti proponenti (Emilia-Romagna, Trentino Alto-Adige e Lombardia).

Mondi Possibili racconta dell’incontro tra linguaggi: il linguaggio musicale e il linguaggio del corpo che all’inizio non riescono a comunicare. In seguito, la Signora prova a trasformare la musica in qualcosa di visivo e, parallelamente, il Viaggiatore lo traduce in movimento attraverso il suo corpo. Così, in modo avventuroso, il processo di costruzione della “musica visiva” procede finché ci si riuscirà: infatti il Viaggiatore farà l’esperienza più bella della sua vita ascoltando la musica attraverso il tatto e interpretando quella musica attraverso il suo corpo. Il finale è a sorpresa e comunque sarà una grande festa che coinvolgerà tutto il pubblico: si chiuderà il gemellaggio fra i due Mondi, apparentemente lontani tra loro, ma nella sostanza molto vicini.

Protagonisti sono il soprano Francesca Mannino (La Signora della Musica) e il LIS performer Diana Anselmo (Il Viaggiatore) che saranno accompagnati da un Quartetto d’archi.

Il programma comprende arie di Gioachino Rossini (Semiramide e La Cenerentola), Wolfgang Amadeus Mozart (Le nozze di Figaro) e i brani Un modo ci sarà e Mondi Possibili di Simona Iuorio.

Nella sua fase attuativa le tre istituzioni hanno effettuato un call per la selezione di un compositore under 35 con disabilità da inserire nel team artistico del progetto Tutte e tutti per 1: ne è risultata vincitrice Simona Iuorio, che ha creato due brani per lo spettacolo sul tema della trasformazione e della diversità oltre a trascrivere le altre musiche per quartetto d’archi e voce. Sul fronte della comunicazione lo spettacolo vede la collaborazione di ALI (Accessibilità, Lingue, Inclusione) e dell’Università di Macerata.

 

 

Lo spettacolo sarà ad ingresso gratuito, previa prenotazione obbligatoria a partire da venerdì, 12 luglio alle ore 10.00.

È necessario arrivare entro 15 minuti prima dell’inizio dello spettacolo, si prega di essere puntuali per non perdere il proprio ingresso. In caso di mancata presenza, il posto verrà assegnato a coloro presenti sul posto che non hanno prenotato, per garantire cosi la massima partecipazione agli eventi.
Nell’impossibilità di partecipare all’evento, ricordiamo che è possibile cancellare la propria prenotazione in autonomia sul sito/app eventbrite e lasciare così il posto libero per qualcun’altro. Vi ringraziamo per la collaborazione!

L’evento si terrà all’interno.

Non è possibile parcheggiare all’interno della struttura.

Tutte e tutti per 1. Mondi possibili

Musiche di G. Rossini, W.A. Mozart e Simona Iuorio

La Signora della Musica Francesca Mannino, soprano

Il Viaggiatore Diana Anselmo, LIS performer

Violini Marco Mandolini, Elisabetta Fornaresio

Viola Roberto Mendolicchio

Violoncello Elisabetta Branca

Regia e drammaturgia Manuel Renga

Scene Stefano Zullo

Coproduzione Fondazione Arturo Toscanini, Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, Teatro Sociale di Como AsLiCo

 

 

I personaggi dello spettacolo sono la Signora del mondo della Musica e il Viaggiatore.

La Signora del Mondo della Musica vive stabilmente nel suo mondo, con note, melodie e strumenti musicali. Il suo è un linguaggio sonoro.

Arriva nel suo mondo un Viaggiatore che si è perduto, con un grande zaino. In questo zaino c’è tutto ciò che è il suo linguaggio. Il suo è un linguaggio visivo, fatto di oggetti, mappe, libri, piccole sagome colorate.

Tutto pare bellissimo al Viaggiatore, ma una cosa è molto strana: il Viaggiatore non sente la musica e la Signora, non potendo vedere le sue immagini, non riesce a comprendere la necessità del Viaggiatore di tornare a casa. Dopo un primo momento di sconforto tra i due personaggi, la Signora della Musica ha un’idea: insieme devono trovare un modo per comunicare. Solo in questo modo il Viaggiatore potrà comprendere la sua meravigliosa musica e lei potrà comprendere la bellezza delle immagini del viaggiatore. Nel mezzo dei pianeti è proprio un oggetto sferico, un palloncino, che diventerà un ponte fra i due mondi. Il palloncino può trasmettere al tatto le vibrazioni che la musica libera nell’aria.

La Signora prova a trasformare la musica in qualcosa di visivo e, parallelamente, il Viaggiatore lo traduce in movimento attraverso il suo corpo. Pare che la scintilla sia innescata! Ma i primi tentativi sono fallimentari… Le necessità, per la Signora, di far comprendere la meraviglia della musica e, per il Viaggiatore, di far comprendere la bellezza del luogo da cui viene, stimola i due personaggi ad ingegnarsi per cercare una soluzione.

Il processo di costruzione della “musica visiva” procede in modo avventuroso ma va a buon fine: il Viaggiatore fa l’esperienza più bella della sua vita ascoltando la musica attraverso il tatto e interpretando quella musica attraverso il suo corpo; la Signora della musica, grazie a ciò che il Viaggiatore le fa toccare e vivere, immagina il luogo meraviglioso da cui egli proviene, fatto di immagini dalla straordinaria bellezza. In quel momento si scopre addirittura che i gesti del Viaggiatore possono anche generare un nuovo, meraviglioso tipo di musica.

Il finale… è una vera sorpresa!

 

Gioachino Rossini

Semiramide “Bel raggio lusinghier”

La Cenerentola “Un soave non so che”

Wolfgang Amadeus Mozart

Le nozze di Figaro “Dove sono i bei momenti”

Il Flauto Magico “Papageno Papagena”

Le nozze di Figaro “Contessa perdono… Corriam tutti!”

Simona Iuorio*

Un modo ci sarà – brano originale, prima esecuzione assoluta

Mondi possibili – brano originale, prima esecuzione assoluta

* vincitrice della Call per compositori under35 con disabilità del progetto Tutte e tutti per 1

 

È a disposizione del pubblico anche il LIBRO INCLUSIVO in Easy-To-Read, con audio descrizioni e video in LIS al seguente link.

Dettagli