Trilok Gurtu band

Trilok Gurtu band

Arena Teatro Sociale
mercoledì, 13 luglio – ore 21.30

in Spellbound – World of Trumpets

Percussioni, voce
Trilok Gurtu
Basso
Jonathan Ihlenfeld Cuniado
Pianoforte, tastiere
Tulug Tirpan
Tromba
Freferik Köster

Produzione Kino Music

in collaborazione con Provo Culture

Le tradizioni musicali del mondo occidentale e orientale sono sempre state strettamente collegate fra di loro, attraverso l’improvvisazione del percussionista Trilok Gurtu. Sin dall’avvento della scena musicale post-bop jazz, la padronanza dello strumento di Gurtu non è mai passata inosservata.

Trilok Gurtu è stato cinque volte vincitore del Downbeat Critics Poll come migliore percussionista, e candidato al Best Artist Asia/Pacific per i BBC World Music Awards. È nato a Bombay da una famiglia di musicisti e ha iniziato a suonare all’età di 6 anni. Gurtu lascia definitivamente l’India nel 1976 per seguire il trombettista Don Cherry in un memorabile tour europeo. Tra il 1984 e il 1988 trasferitosi ad Amburgo, dove tutt’ora risiede si unisce agli Oregon di Ralph Towner. Nel 1988 incontra John McLaughlin, col quale inizia una lunga e fruttuosa collaborazione. Nell’estate del ‘93 apre, con il suo nuovo progetto-trio ‘The Crazy Saints’, alcune date di Joe Zaminul e Pat Metheny, formazione con cui gira il mondo e partecipa a numerosi festival.

Il suo ardente senso del ritmo e il suo approccio eclettico ha attirato una lunga serie di collaborazioni con artisti di fama internazionale, fra cui John McLaughlin, Joe Zawinul, Jan Garbarek, Don Cherry, Pat Metheny, Phoroah Sanders, Dave Holland e con molti musicisti da India, Africa e altre paesi. Alle soglie dei suoi 60 anni, Gurtu ha all’attivo undici album e innumerevoli apparizioni in tutto il mondo.

In Europa, Jazz Magazine e Straight No Chaser hanno affermato che «la sua musica ha una qualità trascendentale e rimuove gli ostacoli che si trovano tra musica occidentale e orientale».